Sant’Anna, 12 ore di attesa dopo il parto per una camera

no_santanna_no_partyLa denuncia di una puerpera:
«Ottima assistenza ma è assurdo che non ci siano letti»

Dodici ore in sala parto dopo la nascita del figlio perché non c’erano letti liberi in reparto. L’ostetricia del Sant’Anna scoppia ed è ormai all’ordine del giorno il tutto esaurito al nido e nei 32 posti disponibili per le mamme.
«Le nascite aumentano e stiamo mettendo a punto un piano per accrescere di 4-6 posti la capienza del reparto», fanno sapere dalla direzione dell’azienda ospedaliera.
La segnalazione del disagio giunge da una giovane mamma comasca che, nei giorni scorsi
, ha avuto un figlio al Sant’Anna.
«Il bimbo è nato attorno alle 4 del mattino – racconta – In quel momento però in reparto non c’era posto. Sono stata sistemata nella piccola stanza della sala parto, dove non ho potuto tenere il bimbo né ricevere visite. Senza contare che nel frattempo altre donne partorivano. La situazione è proseguita per 12 ore. Alle 16 ho avuto finalmente una camera e mi hanno portato il mio bambino».
La paziente ha segnalato il disagio al personale del reparto. «Tutto è andato bene e non contesto l’assistenza, anzi – dice – ma mi sembra una vergogna che non vi siano letti sufficienti per far fronte alle necessità. Nella mia stessa situazione si sono trovate anche altre donne, non è accettabile».
Il picco di nascite è ormai una costante all’ospedale Sant’Anna. Già dal trasferimento nel nuovo presidio il numero di lieti eventi è cresciuto e un incremento è seguito alla chiusura dell’ostetricia del presidio Sant’Antonio Abate di Cantù, off-limits da giugno. Per rispondere alle nuove esigenze, i vertici di via Ravona stanno studiando una riorganizzazione e un incremento dei posti letto.
«I 32 posti del reparto in questo momento sono completi – hanno confermato ieri dalla direzione del Sant’Anna tramite l’ufficio stampa – Nell’ultimo periodo abbiamo registrato un aumento significativo delle nascite e stiamo mettendo a punto i necessari interventi».
A breve, nell’ostetricia del Sant’Anna, a San Fermo della Battaglia, dovrebbero essere attivati quindi nuovi posti letto.
«Stiamo mettendo a punto gli ultimi dettagli ma nel giro di poco tempo avremo la disponibilità di 4-6 posti aggiuntivi». Tra le novità in vista anche l’ulteriore potenziamento del servizio di partoanalgesia, che dovrebbe già dalle prossime settimane essere disponibile tutti i giorni 24 ore su 24.

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.