Sant’Anna, da oggi stop alle visite senza limiti d’orario

Sanità – Il direttore medico Fabio Banfi: «Vogliamo garantire al paziente le relazioni familiari e sociali senza interferire con l’attività degli operatori»
In vigore un regolamento più restrittivo di quello applicato sin dall’inaugurazione della struttura
Rivoluzione degli orari di visita al Sant’Anna. Da oggi chiude ufficialmente l’era del cosiddetto “ospedale aperto”, con accesso pressoché illimitato a parenti e amici dei degenti ed entra invece in vigore un nuovo regolamento con fasce orarie ridotte e ben delineate.
Gli orari di ingresso cambiano da un settore all’altro, ma in generale si tratta di periodi di apertura limitati nell’arco della giornata. In tutti i reparti, nelle fasce orarie previste, ciascun paziente potrà ricevere
al massimo 2 o 3 visitatori contemporaneamente.
Nella quasi totalità dei casi – degenze chirurgiche, malattie infettive, area medica 1 e 3 e dialisi, parenti e amici avranno libero accesso al Sant’Anna dal lunedì al sabato dalle 12 alle 14 e dalle 17.30 alle 19.30. La domenica e nei giorni festivi, porte aperte dalle 11 alle 14 e dalle 17.30 alle 20. Per quanto riguarda la medicina 2 (geriatria), i ricoverati potranno stare in compagnia dei familiari dalle 11.30 alle 13.30 e dalle 17.30 alle 19.30 dal lunedì al sabato e dalle 11 alle 14 e dalle 17.30 alle 20 nei giorni festivi.
Porte aperte dalle 8 alle 20 in ostetricia, patologia intensiva neonatale e nido, mentre per i piccoli pazienti della pediatria le visite sono consentite dalle 11 alle 14 e dalle 17.30 alle 20. In psichiatria, accesso consentito dal lunedì al sabato dalle 11 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 19.30, domenica e festivi dalle 14 alle 19.30. Per quanto riguarda l’area di emergenza, rianimazione, terapia intensiva e semintensiva saranno aperte tutti i giorni dalle 12.30 alle 13.30 e dalle 18.30 alle 20. In medicina d’urgenza i familiari potranno incontrare i malati dalle 7 alle 8, dalle 11 alle 14 e dalle 17.30 alle 19.30.
Fino a ieri, le visite ai degenti erano permesse senza limitazioni dalle 11.30 alle 20. «Dopo una fase sperimentale dall’apertura dell’ospedale abbiamo deciso di rivedere le modalità di accesso – dice Fabio Banfi, direttore medico del Sant’Anna – L’obiettivo è garantire al paziente le relazioni familiari e sociali, coniugando però questi aspetti con la sicurezza, la tranquillità e le condizioni igieniche dei degenti e con la necessità di non interferire con l’attività degli operatori».
A fronte della restrizione degli orari di visita è stata introdotta la possibilità per i degenti di avere accanto un familiare 24 ore su 24. I malati possono inoltre rifiutare eventuali visitatori sgraditi. Infine, è vietato l’accesso ai bambini fino a 12 anni, fatta eccezione per il nido, la pediatria e l’ostetricia.

Anna Campaniello

Nella foto:
Cambiano completamente gli orari dell’ospedale di San Fermo della Battaglia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.