«Sant’Anna, personale ridotto e problemi irrisolti». La denuncia: «Ancora troppi disagi»

Il pronto soccorso dell'Ospedale Sant'Anna

Turni di lavoro straordinari, rientri nei giorni di riposo o ferie cancellate, continue richieste di mobilità e trasferimenti negati. I rappresentanti sindacali del personale dell’Asst Lariana hanno inviato una nota per denunciare i disagi per gli operatori dell’ospedale.
«A sette anni dall’apertura del nuovo ospedale e due dall’entrata in vigore della riforma sanitaria regionale sono ancora troppi i problemi irrisolti», denuncia il coordinatore delle Rsu aziendali Massimo Coppia.
«L’azienda chiede maggiore flessibilità ma al contempo applica con troppa rigidità alcune norme – denunciano i sindacati – creando disagi al personale che si traducono in continue domande di trasferimento, spesso peraltro respinte». Non mancano «rientri in servizio sul giorno di riposo o addirittura la rinuncia delle ferie, già precedentemente programmate a inizio anno», prosegue la nota.
I portavoce dei dipendenti chiedono concorsi per assunzioni a tempo indeterminato ma anche interventi per aumentare la sicurezza degli operatori alla luce delle ripetute aggressioni che hanno coinvolto il personale, soprattutto del pronto soccorso. «Gli strumenti che sono stati finora messi in campo – spiegano ancora i sindacati – sono insufficienti e inadeguati».

Articoli correlati