Sara Bertolasi, la stella del remo: nel mirino le Olimpiadi 2016

Sara Bertolasi, azzurra del remo e portacolori della Canottieri Lario Sara Bertolasi, azzurra del remo e portacolori della Canottieri Lario

Le Olimpiadi di Rio de Janeiro nel mirino. L’anno appena iniziato, infatti, è quello che per molte specialità prevede le qualificazioni ai Giochi del prossimo anno.
Un discorso che vale anche per gli azzurri del canottaggio, che, con una serie di raduni, si stanno preparando alle sfide del 2015.
E Pusiano, con il suo nuovo centro remiero, è un punto di riferimento per la squadra femminile. Dal prossimo 2 febbraio è in programma un nuovo raduno del team olimpico che comprende le comasche Sara Bertolasi, Gaia Marzari, Gaia Palma (Canottieri Lario), Sara Magnaghi (Moltrasio) ed Elisabetta Sancassani (bellagina che gareggia per il gruppo Fiamme Gialle).
Sara Bertolasi (27 anni il prossimo 29 aprile) fa il punto della situazione.
«Per ora ci siamo sempre preparate da singoliste – spiega la portacolori della Lario – Poi, alla prima gara nazionale, che è in programma a fine marzo, ci saranno gli abbinamenti».
Per Sara sarà probabile la collocazione sul “doppio”. Ma questo si vedrà più avanti. Per lei non è un momento facile, visto che è alle prese con una microfrattura costale, cosa che però lei considera quasi portafortuna. «Mi era successa la stessa cosa nel 2011 e poi io e Claudia Wurzel ci siamo qualificate per le Olimpiadi di Londra. Se proprio devo trovare un lato positivo, mi auguro almeno che porti bene».
La stagione 2015, con la speranza di superare presto questo problema, si presenta intensa. «L’obiettivo sono i Mondiali di fine estate in Francia, perché in quella occasione saranno assegnati i pass olimpici. Sicuramente parteciperemo a una prova di Coppa del Mondo, quasi sicuramente Lucerna. Ma non nego che mi piacerebbe essere al via anche a quella che si disputerà a Varese».
Sara, infatti, gareggia per la Lario ma è di Busto Arsizio. Ma ormai dalle nostre parti è di casa: «Alla Lario mi trovo benissimo – dice – perché l’ambiente è un giusto mix di familiarità e professionalità. E poi abbiamo un presidente molto appassionato come Enzo Molteni».
«Anche il centro remiero di Pusiano è bello e funzionale – aggiunge – E se manca qualcosa ci sono persone come i responsabili Fabrizio Quaglino e Luigi Gaffuri o il fisioterapista Giovanni Marcato che sono sempre pronti a darci una mano. Ci si può preparare nel modo migliore».
Poche settimane fa Sara Bertolasi ha vissuto una bella emozione. Con il presidente Molteni e con Claudia Wurzel ha ritirato a Roma il Collare d’Oro assegnato alla Canottieri Lario. Presente alla cerimonia anche il premier Matteo Renzi. «Uno tra i momenti più belli della mia vita – conclude – sia per la soddisfazione di essere lì, sia per avere incontrato personaggi importanti: da loro c’è sempre da imparare».
Massimo Moscardi 

Articoli correlati

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.