Sarà restaurato l’organo di San Gottardo a Dongo

La chiesa di San Gottardo a Dongo

L’iniziativa della “Schola Cajni”

Quella di San Gottardo di Dongo è una chiesa a cui la popolazione locale è molto affezionata. L’edificio è collocato su un poggio dominante il lago. Venne ricostruito in pieno Seicento, in sostituzione di una precedente chiesetta, e contiene per lo più testimonianze artistiche sei e settecentesche, fra cui una “Gloria di San Gottardo” del Barbelli del 1628. Spicca un pregevole organo, databile alla seconda metà del XVII secolo che fu collocato nella chiesa di Dongo nel 1877 ad opera dell’organaro Ferdinando Prina di Monza. Una analisi effettuata nel 2018 da Maurizio Isabella su questo prezioso manufatto barocco ha permesso di capire che originariamente si trattava di un organo portativo, utilizzato cioè durante le processioni.
Fu poi reso stabile nella chiesa perché destinato al servizio liturgico. Le canne interne sono originali e risultano tutte opera di un organaro ancora anonimo della seconda metà del Seicento. Ora il parroco, don Romano Trabucchi, ha deciso di avviare le pratiche necessarie al restauro affiancato dalla associazione culturale “Schola Cajni” che cura e curerà la parte organizzativa. L’organo verrà restaurato dalla ditta Colzani Organi di Bulgarograsso e i lavori riceveranno il finanziamento della Fondazione Provinciale Comasca e della Cei. Attualmente è in corso una raccolta fondi necessaria per ricevere le sovvenzioni della Fondazione Comasca, scadenza l’8 febbraio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.