Cronaca

Sassi contro il Monumento ai Caduti. In frantumi le vetrate della cripta

altRaid nella notte
Saranno esaminati i filmati delle telecamere di sorveglianza

(a.cam.) Sassi contro il Monumento ai Caduti. Nella notte tra venerdì e sabato, nuovo raid vandalico a Como. Ancora ignoti i responsabili, che hanno preso di mira l’installazione in memoria dei soldati morti nella Prima Guerra Mondiale e danneggiato anche alcuni semafori della zona, già riparati.
I vandali hanno probabilmente scagliato alcuni sassi contro il Monumento fino a mandare in frantumi il vetro della cripta.

Ancora da quantificare i danni economici. Il gesto poi è particolarmente grave sia per ciò che l’opera rappresenta, sia per la sua portata artistica. Nelle stesse ore, forse per mano degli stessi teppisti, sono stati danneggiati anche alcuni semafori in città, un ulteriore vandalismo che ha creato pure qualche problema viabilistico.

Il Monumento ai Caduti è stato più volte preso di mira negli ultimi anni, soprattutto dai writer che hanno ripetutamente imbrattato le pareti di marmo con scritte e scarabocchi. Gli ultimi sono stati individuati dagli agenti della polizia locale venerdì scorso. Due giovani sono stati denunciati al Tribunale dei minori per deturpamento e imbrattamento.
L’area del Monumento è sorvegliata dalle telecamere di sicurezza e le immagini riprese dall’occhio elettronico potrebbero aiutare a individuare i responsabili del raid vandalico. L’assessore alla Sicurezza, Marcello Iantorno, annuncia poi un potenziamento dei controlli.
«Con il nuovo comandante della polizia locale, Donatello Ghezzo, lavoreremo subito al ripristino del turno notturno degli agenti – dice l’esponente della giunta – Il raid è stato compiuto di notte, quando i controlli delle forze di polizia, necessariamente ridotti, sono facilmente evitabili dai violenti la cui statura morale è ben riassunta da questi gesti».
«Le forze di polizia sono state subito allertate e sono stati avviati tutti i controlli per individuare i colpevoli – aggiunge l’assessore Iantorno – Nelle zone prese di mira sono attive delle telecamere che potranno essere utili alle indagini. L’amministrazione comunale darà tutto il suo contributo per cercare di scoprire gli autori perché pene esemplari siano applicate una volta individuati».

Nella foto:
vetrata mandata in frantumi dai vandali. All’interno della cripta, come si può notare nella foto, sono incisi i nomi di tutti i caduti comaschi della Prima Guerra Mondiale
5 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto