Sassi contro le auto: patteggia. Aveva danneggiato 17 vetture

Tribunale di Como

Per motivi che in aula non era stato in grado di spiegare, dicendo di avere avuto «dieci minuti di buio», un vero e proprio «black out», si sarebbe accanito contro diciassette auto che erano state parcheggiate lungo la statale Regina nel territorio di Sala Comacina.
Cristalli infranti, carrozzerie danneggiate e ammaccate, cd musicali rubati dagli abitacoli, cd che aveva ancora addosso quando sopraggiunsero le “gazzelle” della stazione di Tremezzina e del Radiomobile della Compagnia di Menaggio.
Un 28enne residente a Villa Guardia, ma domiciliato a poca distanza dal punto del raid vandalico, era stato arrestato dai militari dell’Arma a gennaio ed era stato poi processato per direttissima, chiedendo i termini a difesa.
La vicenda si è conclusa nelle scorse ore, con il patteggiamento scelto dal giovane assistito dal suo avvocato, Pasquale Saggiomo. Accordo sulla pena che è stato trovato in un anno e sei mesi (con la pena sospesa). Con molte delle parti lese sarebbe stato trovato un accordo per il risarcimento, mentre sei di loro avrebbero rimesso la querela.
Il pubblico ministero di turno in Procura a Como, la dottoressa Antonia Pavan, aveva contestato a gennaio il danneggiamento, il furto e anche il porto di oggetti atti a offendere, visto che il ragazzo era stato sorpreso dai carabinieri in possesso di un tirapugni e di una roncola.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.