Scappa con il figlio di tre anni, fermato a Malpensa

polizia

Pochi minuti e sarebbe decollato dall’aeroporto di Malpensa, portandosi via il figlioletto di 3 anni, all’insaputa della madre del bimbo. L’allarme, lanciato dalla nonna del piccolo e l’intervento immediato della polizia hanno permesso di bloccare un cittadino americano, subito denunciato per sottrazione di minore.
Mercoledì pomeriggio, il bimbo era a casa con la nonna materna. Il padre, che si è separato da tempo dalla moglie, si è presentato nell’abitazione e ha chiesto di poter trascorrere qualche ora con il figlio. Contattata al telefono, la madre del bimbo ha acconsentito. Il padre si è quindi allontanato con il piccolo. Trascorsa qualche ora, la nonna ha iniziato a preoccuparsi. L’uomo non rispondeva più al telefono, che era irraggiungibile. Ha avvisato la figlia e, attorno alle 21, ha contattato il numero unico di emergenza 112 per denunciare la probabile sottrazione di minore. La chiamata è stata subito indirizzata alla sala operativa della Questura. Gli agenti, oltre ad attivare in tempo reale le ricerche, hanno anche contattato gli aeroporti della zona e gli alberghi. La segnalazione immediata ha permesso di attivare i protocolli che hanno portato ad individuare in pochi minuti l’uomo che, con il figlio, era tra i passeggeri di un aereo che pochi minuti dopo sarebbe decollato da Malpensa per Londra.
Non è chiaro se da lì avesse poi già pianificato di raggiungere gli Stati Uniti. Padre e figlio sono stati accompagnati negli uffici della Polaria dello scalo varesino, dove li ha raggiunti la mamma del bambino, che ha poi potuto riportare a casa il figlio, come disposto dal Tribunale di Milano. L’uomo è stato denunciato per sottrazione di minore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.