Scarcerato l’uomo che sparò al vicino di casa

A Blevio in frazione Mezzovico
Accolta l’istanza della difesa: secondo il giudice il pentimento è sincero
Istanza accolta. Erminio Davide Mantovani, 63 anni, l’uomo arrestato lo scorso 29 dicembre per il colpo di fucile da caccia con cui ferì il vicino Patrizio Melluso (48 anni), è uscita dal carcere ed è finito ai “domiciliari”.
La decisione è stata presa dal giudice delle indagini preliminari di Como, Maria Luisa Lo Gatto, nell’ambito del fascicolo per il tentato omicidio avvenuto nella frazione Mezzovico di Blevio.
Anche il pubblico ministero, Giuseppe Rose, aveva tra l’altro
dato il parere favorevole. Interessanti le motivazioni che hanno portato alla scarcerazione di Mantovani: «La scelta dell’indagato di inviare una lettera di scuse alla parte lesa – si legge – unitamente alla dichiarazione di disponibilità ad un risarcimento del danno, appare dettata da un sincero ravvedimento».
Inoltre, secondo gli elementi raccolti nel corso delle indagini, il fascicolo «sembrerebbe propendere per l’ipotesi che l’indagato non abbia sparato prendendo la mira contro la vittima ma abbia esploso un colpo intimidatorio e che i proiettili abbiano poi colpito solo di rimando la vittima».
Una tesi che se confermata potrebbe far propendere il pm per una riqualifica del reato, passando dal tentato omicidio alle lesioni gravi.
Mantovani, difeso dai legali Fabio Schembri e Diego Soddu, trascorrerà gli arresti domiciliari nella sua casa di Milano, e non in quella delle vacanze a Blevio dove avvenne il litigio che rischiò di trasformarsi in un dramma.

Mauro Peverelli

Nella foto:
L’uomo viene arrestato dalla polizia subito dopo il colpo di fucile

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.