Scelta Civica diventa partito. Al via il tesseramento

altPolitica sul Lario
Obiettivo annunciato: 300 adesioni. Si lavora anche per le amministrative 2014

Congresso entro l’anno e obiettivo 300 iscritti nella prima fase del tesseramento, al via oggi. Scelta Civica sbarca ufficialmente a Como e punta a raccogliere il consenso dei cittadini «disorientati, stanchi di questa politica».
«Vogliamo essere un partito aperto e democratico, un partito di liberi cittadini, senza padroni», annuncia il coordinatore provinciale, Vittorio Rizzi.
Alle ultime elezioni politiche, la primavera scorsa, Scelta Civica ha raccolto a Como il 13% dei consensi. Per le regionali, al partito dell’ex premier

Mario Monti è andato l’11% dei voti. «A Como ci sono persone serie, che riflettono e pensano piuttosto che protestare – ha detto ieri nel corso di una conferenza stampa il parlamentare di Turate Gianfranco Librandi – Gente abituata a lavorare e sudare, che ha capito subito il messaggio del movimento, il nostro modo nuovo e trasparente di fare politica».
Il coordinatore provinciale organizzativo di Scelta Civica è un volto noto della politica comasca, Alessandro Colombo.
«Offriamo un’alternativa liberale a chi si sente disorientato – ha detto – Ci batteremo per le tematiche di interesse sia nazionale sia locale. Per fare subito un esempio concreto, sulla vendita delle farmacie comunali, se fossimo stati sui banchi di Palazzo Cernezzi avremmo votato a favore». Il primo congresso del partito dovrebbe essere fissato entro la fine dell’anno. Nelle elezioni amministrative in programma il prossimo anno, Scelta Civica vuole giocare un ruolo attivo.
«Saremo disponibili ad affiancarci e a dare sostegno, anche a livello organizzativo, a chiunque lo vorrà, senza per questo chiedere l’iscrizione al partito. L’apertura alla società civile è fondamentale», ha detto Colombo.
Il tesseramento a Como inizierà ufficialmente oggi e al momento sono già una cinquantina gli iscritti.
«Como è una realtà importantissima per il movimento – ha spiegato Emanuela Baio, segretario politico del coordinamento Regione Lombardia – Scelta Civica nasce come partito europeo e Como è una provincia di confine, centrale per la politica lombarda. Inoltre, questo territorio, storicamente, ha sempre saputo coniugare l’imprenditorialità con la solidarietà, valori che per noi sono fondamentali punti di riferimento».
Il segretario organizzativo del coordinamento Regione Lombardia, Pietro Sbaraini, si è rivolto ai cittadini scontenti della politica attuale.
«Vogliamo dare un contributo con la forza del fare – ha detto – Saremo un partito riformista e trasparente e sapremo parlare con una voce sola ad un Paese che è oggi in una situazione drammatica».
«Invitiamo tutti a partecipare attivamente sia tramite i gruppi di lavoro sia attraverso i social media – ha concluso Vittorio Rizzi – Ci daremo subito da fare concentrandoci sulle aree tematiche di maggiore attualità, lavoro, impresa e competitività, fisco, istruzione e cultura, pubblica amministrazione e terzo settore. Chiunque può dare un contributo, vogliamo essere un partito aperto».

A. Cam.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.