Schianto elicottero di Kobe Bryant per errore del pilota

Lo rivela perizia svolta dal National Transportation Safety Bord

(ANSA) – NEW YORK, 09 FEB – Lo schianto dell’elicottero su cui volavano Kobe Bryant, la figlia Gianna e altre sette persone il 26 gennaio del 2020 fu causato da un errore del pilota. Lo rivela la perizia effettuata dal National Transportation Safety Board. Secondo il rapporto al pilota Ara Zobayan era stato proibito di attraversare la perturbazione in corso infilandosi tra le nuvole. Ma lui ignorò l’ordine trovandosi disorientato. Subito dopo lo schianto. Secondo Robert Sumwalt, presidente del National Transportation Safety Board, il pilota avrebbe dovuto viaggiare in regime di ‘visual flight rules’, mantenendo la visibilta’. Invece lui continuò a volare attraversando le nuvole della perturbazione in corso. A quel punto lo Sikorsky S-76 si inclinò bruscamente e poi precipitò schiantandosi sulle colline nei pressi di Calabasas, alle porte di Los Angeles. L’elicottero non era dotato di scatola nera, un dispositivo non richiesto per quel tipo di velivolo. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.