Schwazer: Mei, non possiamo ignorare la sentenza

"Giochi Tokyo probabilmente a porte chiuse

(ANSA) – ROMA, 22 FEB – "Bisogna avere grande rispetto delle sentenze e leggere attentamente le motivazioni. La giustizia è una cosa seria. Serve tempo per vedere che sviluppi può avere la vicenda. Certo è che dalle anticipazioni emergono accuse piuttosto gravi nei confronti di altre entità. Federazione e Coni dovranno prenderle in considerazione". Sul caso Schwazer così si è espresso il neo presidente della Federazione di atletica leggera, Stefano Mei, ospite di Radio anch’io sport (Rai Radio 1). "Non voglio entrare troppo nel merito ma c’è un’ordinanza di 87 pagine di un giudice che, oltre ad archiviare la posizione di Alex Schwazer, fa considerazioni estremamente gravi nei confronti di altre entità – ha aggiunto Mei – Sono 87 pagine contro un comunicato stampa di poche righe", ha sottolineato, riferendosi alla nota con cui la Wada ha respinto le accuse del gip di Bolzano. "Qui si tratta di un’indagine durata quattro anni, dobbiamo tenerne conto. Ci sono i fatti: bisogna rispettare le sentenze e leggere attentamente le motivazioni. Federazione e Coni dovranno tenerne conto e adottare le opportune soluzioni. Vediamo gli sviluppi". Mei ha parlato anche delle Olimpiadi di Tokyo: "Siamo tutti col fiato sospeso: venissero rinviate di nuovo, verrebbero annullate, ma il Cio e le autorità sportive cercheranno di farle svolgere. Vediamo che con le opportune precauzioni il calcio va avanti. Saranno quasi sicuramente Giochi a porte chiuse o con un pubblico limitato, si cercherà’ di fare il minor danno possibile". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.