Scienza e arte, matrimonio perfetto in via Odescalchi

altEsposizioni
Una mostra unica, cresciuta in dieci anni di ricerche, per unire la scienza e l’arte. È Cosmogonie, in corso fino a domenica nella ex chiesa di San Pietro in Atrio, in via Odescalchi 3 a Como. L’artista lariano Paolo Barlusconi (a destra nella foto), ha condiviso l’esperienza con il gallerista dello spazio “Il Salotto” Michele Caldarelli (a sinistra). Scopo dell’iniziativa, e cifra poetica dell’arte di Paolo, è sondare il grande mistero dell’universo. Più che una mostra, è come dichiarano i responsabili un «progetto culturale interdisciplinare».

La mostra è alla sua quindicesima tappa espositiva, ed è accompagnata da un ricchissimo apparato di contributi scientifici e da interventi di fisici, astronomi, matematici, architetti, poeti, filosofi, astrofisici, botanici e scrittori (il più recente contributo lo ha portato Caldarelli in un convegno all’Università del Messico). In primo piano, comunque, rimangono le opere realizzate da Paolo Barlusconi con i materiali più disparati di uso quotidiano e di produzione industriale, utilizzati come segni di un alfabeto vasto quanto l’universo, in un vero e proprio racconto a tre dimensioni. Info su www.caldarelli.it. Orari: da oggi a venerdì 15-19, sabato e domenica 10-12 e 15-19.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.