Scippi ai viados: la Procura contesta più colpi

Prostituzione a fianco della Novedratese Prostituzione a fianco della Novedratese

Non un solo colpo, come contestato in avvio, ma ben quattro. A essere presi di mira sempre i viados. Il primo il 6 febbraio, il secondo l’8, un terzo il 9 e il quarto il 18 di questo mese. In quest’ultimo scippo, la reazione dei trans fece però naufragare l’assalto, portando all’arresto di due uomini. Ieri nel carcere del Bassone si è svolto l’interrogatorio da parte del giudice delle indagini preliminari. Un marocchino 35enne è rimasto in cella e, come detto, si è visto contestare non solo l’ultimo scippo di Cirimido, ma anche altri tre. Il secondo arrestato invece (un 21enne del paese) è stato messo ai “domiciliari” ma solo per l’ultimo colpo, quello del 18 febbraio. Anche se contesta di aver preso parte pure a questo scippo. Potrebbero cadere invece le ipotesi accusatorie sugli altri casi, in quanto dai racconti dei viados sarebbe rimasto sempre in auto e al volante, accompagnando il complice per poi fuggire. Ma il giovane – assistito dall’avvocato Pierpaolo Livio – avrebbe riferito al giudice non solo di non saper guidare, ma anche di non aver mai preso la patente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.