Scivola su una pietraia, muore comasca di 47 anni. Tragedia in Valle d’Aosta

Soccorso alpino

Un drammatico incidente in montagna non ha lasciato scampo ieri a una donna di 47 anni, Sibele Spinelli, residente in provincia di Como a Lurago d’Erba, precipitata in Valle d’Aosta sotto gli occhi di un’amica. L’alpinista era probabilmente in fase di discesa sul sentiero della Val Ferret che porta al rifugio Boccalatte fino a 2.800 metri di altitudine, nella Alpi Graie, all’interno del comune di Courmayeur. Troppo gravi i traumi riportati nella lunga scivolata sulla pietraia.
L’incidente è avvenuto nel primo pomeriggio a una quota attorno ai 2.100 metri. I tecnici del Soccorso alpino valdostano hanno potuto soltanto recuperare il corpo senza vita della donna.
L’allarme era stato dato immediatamente dall’amica della vittima, che si trovava in Val d’Aosta con la 47enne. La salma della donna è stata poi portata a Courmayeur, e ricomposta nella camera mortuaria del cimitero del paese valdostano, a disposizione del Soccorso alpino della Guardia di finanza per le procedure del caso.
Il rifugio della Val Ferret è intitolato a Gabriele Boccalatte e Mario Piolti, alpinisti di Torino morti sulla sud dell’Aiguille de Triolet nel 1938, ed è raggiungibile in poco più di 3 ore su sentiero attrezzato.
Si tratta di un sentiero impegnativo, ma non pericoloso, si snoda infatti sui depositi morenici dei ghiacciai, pietre che possono però tradire anche lo scalatore più esperto. Esperta e grande appassionati di sport, corsa e maratone, e di montagna era anche Sibele Spinelli. Un piede messo probabilmente in fallo e la drammatica scivolata per circa duecento metri.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.