Scomparsa a Crema: in auto dito e cranio

Risulta da ispezione dei consulenti su Panda bruciata di Sabrina

(ANSA) CREMONA, 15 SET – Nell’auto bruciata di Sabrina Beccalli, scomparsa a Crema lo scorso 15 agosto, sono stati ritrovati frammenti che verosimilmente appartengono a un dito e a una teca cranica. E’ quanto emerge dalla ispezione sulla Panda semidistrutta della 39enne effettuata dalla anatomopatologa Cristina Cattaneo, consulente della Procura di Cremona, assieme al pm Lisa Saccaro e ai consulenti della difesa guidati da Luciano Garofano. I consulenti, che hanno preso 60 giorni di tempo, con le loro analisi potrebbero sciogliere il mistero che dura dallo scorso Ferragosto: per i carabinieri la donna e’ stata uccisa dal 45enne Alessandro Pasini, in carcere a Monza accusato di omicidio e soppressione di cadavere. L’uomo invece, si è sempre difeso, sostenendo che Sabrina è morta per overdose nell’appartamento della sua ex compagna e che lui, "preso dal panico", avrebbe caricato il corpo, avvolto in una coperta, sulla Panda della stessa vittima per poi dar fuoco all’auto. (ANSA)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.