Scomparso in Alta Savoia l’11 agosto: ritrovato in un crepaccio il corpo del 74enne canturino

Annecy e i suoi monti

Le speranze di ritrovare in vita Pierluigi Caspani, 74enne canturino scomparso sul Colle dei Contrabbandieri in Francia, vicino ad Annecy nell’Alta Savoia, erano già ridotte al lumicino. L’uomo era scomparso già da giorni, dal pomeriggio dell’11 agosto per la precisione, da quando in compagnia della moglie e di alcuni amici aveva lasciato il gruppo di escursionisti per inoltrarsi da solo fin sulla vetta del colle. Da allora non aveva più fatto ritorno. Nella Savoia erano scattate le ricerche rimaste per giorni senza esito. Almeno fino a venerdì sera, quando il corpo di un uomo senza vita è stato trovato dagli uomini del plotone di gendarmeria di alta montagna di Annecy sulle alture del Mont Baret, in una gola che lo divide dal Colle dei Contrabbandieri. È bastato poco per collegare il ritrovamento con il corpo del turista canturino che mancava da giorni.

La conferma è arrivata questa mattina con le operazioni di recupero della salma. Il corpo senza vita del 74enne brianzolo era in un crepaccio, dentro una falesia. Per riportarlo a valle è stato necessario l’intervento di un elicottero della gendarmeria. L’escursionista pare avesse abbandonato il sentiero principale, probabilmente per raggiungere un punto panoramico e poter osservare dall’alto il lago di Annecy, che si trova proprio ai piedi del Colle dei Contrabbandieri e del Mont Baret.

In questo momento sarebbe avvenuta la tragedia, mentre moglie e amici lo attendevano più in basso. Il 74enne si era allontanato dagli amici per vedere quanto mancava alla vetta del Colle. Aveva dunque deciso di proseguire da solo, per poi tornare indietro e comunicare al resto della spedizione quanto mancava al punto ultimo della passeggiata. Da quel momento tuttavia, erano le ore 16 dell’11 agosto, nessuno l’aveva più visto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.