Scout di otto anni ustionato durante un falò con gli amici: è in rianimazione

Pronto soccorso Ospedale Sant'Anna

Investito da un ritorno di fiamma giovedì sera, a Como, durante un falò con gli amici del gruppo scout. Un bambino di 8 anni, residente a Treviglio, in provincia di Bergamo, ha riportato gravi ustioni al viso e alle mani. Ora è ricoverato all’ospedale Buzzi di Milano in rianimazione, anche se fortunatamente non sarebbe in pericolo di vita.
L’incidente è avvenuto giovedì sera, attorno alle 21 alla Casa Scout Don Titino, a Breccia, all’interno del Parco della Spina Verde, luogo noto ai comaschi come ex Baita Elisa.
La struttura, dedicata a don Titino Levi, promotore dello scautismo lariano, ospita abitualmente gruppi provenienti da ogni parte d’Italia, che organizzano attività anche di più giorni. In questo periodo, nella struttura era presente un gruppo dell’Asi Scout di Agnadello, in provincia di Cremona.
Il bambino era attorno al fuoco con gli amici quando, per cause ancora da chiarire, è stato investito da una fiammata, forse mentre lui stesso provava a ravvivare il fuoco. Le fiamme gli hanno ustionato il viso e le mani, con cui probabilmente si è protetto il volto.
Il bambino è stato subito soccorso dai responsabili che accompagnavano il gruppo, che lo hanno trasportato direttamente in auto al pronto soccorso del Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, sembra senza prima allertare il 112.
I medici del presidio, dopo le cure urgenti, vista la gravità della situazione hanno chiesto l’intervento dell’elicottero, che ha trasportato il piccolo al Buzzi di Milano. Dall’ospedale fanno sapere che il bambino fortunatamente è fuori pericolo, è stato risvegliato dopo che ieri era stato sedato e respira da solo. Si trova in rianimazione, seguito dal personale del presidio milanese in collaborazione con il Centro grandi ustionati del Niguarda. Ha ustioni gravi al viso e alle mani, ma una valutazione più chiara si potrà fare solo nelle prossime ore. Come da prassi, l’ospedale Sant’Anna ha segnalato alla Procura l’episodio. Accertamenti in corso per chiarire quanto accaduto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.