Scrittori e musica, la formula vincente di “Arte Lario”

altIniziative culturali

Uno scenario di eccellenza quale passerella per scrittori e musicisti. È Villa Vigoni a Menaggio, che ha ospitato con successo il terzo premio letterario “Arte Lario Villa Vigoni 2013”. Un appuntamento che si spera di replicare il prossimo anno. «L’idea – spiega Emanuele Pitto, presidente e anima di Arte Lario – è ospitare scrittori con la formula “libro e musica” unendo contemporaneamente due

espressioni della cultura, tra l’altro con programmi musicali studiati per legarsi tematicamente alle pubblicazioni presentate. E in un contesto unico come il centro culturale italo-tedesco di Villa Vigoni».
Uno dei tanti fili rossi che hanno attraversato la manifestazione letteraria e musicale è stata la riflessione sulla storia del secolo scorso. Particolarmente interessante è stato l’incontro con Sandro Scarrocchia, che ha presentato il libro “Albert Speer e Marcello Piacentini – L’architettura del totalitarismo negli anni ’30”, accompagnato da un recital del quartetto di corni del maestro Sandro Ceccarelli dell’Orchestra Verdi di Milano.
Sguardi intensi al passato, a tante memorie da salvare, anche per lo scrittore e giornalista erbese Emilio Magni che ha presentato il suo romanzo sul mondo contadino “Richén” edito da Mursia, e per Marco Guggiari, vicedirettore del “Corriere di Como”, che ha presentato il suo libro “Comaschi – Persone e fatti del Novecento”.

Nella foto:
La premiazione di Marco Guggiari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.