Scritture di Lago, vincono Montemurro e Castellani

Scritture di Lago - premiazione

È Silvia Montemurro la vincitrice della prima edizione di “Scritture di Lago”. L’autrice valtellinese con il libro “La casa delle farfalle”, edito da Rizzoli, si aggiudica così il premio letterario che ha lo scopo di promuovere la scrittura e la conoscenza dei laghi e del loro patrimonio economico ambientale, culturale. La proclamazione ieri sera su Espansione Tv nel corso della trasmissione “Angoli”. Ospite di Dolores Longhi l’ideatore dell’iniziativa Guido Stancanelli.
La giuria ha così motivato la sua scelta: «Per l’ambientazione storica precisa e riuscita, per la descrizione di alcuni personaggi a tutto tondo e per l’uso sapiente della memoria e meraviglia dei fatti e dei sentimenti nella costruzione stilistica di una storia appassionante che si svolge a Ossuccio, sulle rive del lago di Como, parte integrante della storia. L’amore per il lago ben traspare nella narrazione».
Secondo classificato è “La regola del Lupo” edito da Baldini & Castoldi e scritto dal giornalista Franco Vanni che ha ambientato la sua storia tinta di giallo, a Bellagio in località Pescallo. A Camilla Baresani va la medaglia di bronzo per il suo “Gelosia” edito da La nave di Teseo.
Tra gli editi hanno ricevuto una menzione di merito Tita Prestini con “La doppia morte della compagna Sangalli” (Barta Edizioni) e Nicoletta Bortolotti per “Chiamami sottovoce” (edito da Harper Collins).
Al gradino più alto della sezione inediti si è piazzato Ivan Sergio Castellani con il suo racconto “Il Chepì del musicante” premiato dalla giuria «per aver condotto con grazia e leggerezza il lettore attraverso gli angoli più belli di Como con due sposi brianzoli in viaggio di nozze, riallacciandosi a un evento storico reale degli anni Trenta».
Al secondo posto “Ritorno al lago” di Maria Elisabetta Ancarani . Un ex aequo al terzo per “Omicidio al confine” di Dario Campione giornalista del Corriere di Como e conduttore del Dariosauro su Espansione Tv, e Gianluca Pedrazzini e “La Visita” di Luigi Guicciardi.
«Siamo molto soddisfatti di questa prima edizione – ha commentato alla fine il presidente dell’organizzazione Guido Stancanelli – ringraziamo tutti i giurati che si sono impegnati con tanta dedizione e le istituzioni che hanno creduto in noi».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.