Scuderia del Lario, sessantesimo compleanno: il sodalizio motoristico è stato fondato il 4 marzo del 1960

Scuderia del Lario

Sessant’anni di vita per uno tra i sodalizi motoristici più longevi, un simbolo per l’automobilismo lariano. È stata infatti fondata il 4 marzo del 1960 la Scuderia del Lario. Un compleanno che doveva essere festeggiato qualche settimana fa alla tradizionale cena sociale, poi saltata per le note problematiche legate all’emergenza-Coronavirus.
Un sodalizio che negli anni è stato impegnato ad ogni livello: organizzatore di gare, supporto di Aci Como, vivaio per i giovani piloti e riferimento per i nomi più consolidati. Una storia, quella della scuderia, iniziata nel 1960, grazie a sei soci fondatori: Franco Erba, Giorgio Vitelli, Antonio Camponovo, Luciano Iermi, Alberto Redaelli e Felice Galli.
Molti i personaggi noti che hanno corso nelle competizioni più importanti con l’adesivo della Scuderia del Lario, che alla bandiera italiana abbina il disegno di una curva con i colori biancoblù, dedicati al lago.
Tra i nomi più importanti possono essere citati Davide Valsecchi, campione del mondo Gp2, il “sempreverde” Arturo Merzario, Davide Uboldi (pluricampione tricolore Prototipi), lo svizzero Silvio Moser e gli argentini Esteban Tuero e Gaston Mazzacane. E tra i soci onorari del sodalizio comasco c’è stato Michele Alboreto, che ha sempre avuto un solido rapporto di amicizia con la Scuderia del Lario e i suoi componenti, a partire dallo storico direttore sportivo Gianfranco Bianchi, scomparso nel 2013. Non vanno dimenticati poi rallisti come Raffaele “Lele” Pinto, Gianni Del Zoppo, l’attuale presidente di Aci Como, Enrico Gelpi, Enrico e Andrea Guggiari, il navigatore Maurizio Riva.
Tra i piloti spicca anche Guido Cappellini, dieci volte campione del mondo di motonautica, che nei suoi trascorsi automobilistici di parecchi anni fa fu portacolori proprio del club oggi capitanato da Roberto Ambrosoli.

Nella foto, un gruppo di piloti ad una premiazione della scuderia nel passato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.