«Scuola ancora senza provveditore». Insorgono i sindacati: chiesto un incontro urgente

nuova sede Provveditorato agli studi di via Borgovico

Un settore strategico senza una guida, nelle parole dei rappresentanti di chi ci lavora. La scuola di Como dallo scorso mese di settembre è ancora senza un provveditore. I sindacati lariani protestano perché in due mesi non è ancora stato nominato un sostituto e per questo motivo hanno chiesto in merito un incontro urgente – da organizzare anche in video conferenza data l’emergenza sanitaria in corso – all’ufficio scolastico territoriale perché ancora non è stato trovato un sostituto di Roberto Proietto.
«Siamo all’interno di una condizione di emergenza sanitaria nazionale e territoriale – hanno scritto ieri in una nota congiunta i responsabili dei sindacati scuola di Cgil, Cisl, Uil, Snals Confsal e Gilda – e in questa fase difficile, c’è la necessità di supportare gli istituti scolastici anche nelle procedure operative. Per noi – si legge ancora nella nota dei sindacati comaschi diramata ieri – non avere ancora un dirigente dell’ufficio scolastico territoriale di Como, figura fondamentale e punto di riferimento per le scuole, è del tutto inammissibile».
Lo stesso provveditore uscente, Roberto Proietto, durante i mesi estivi e prima che riaprissero le scuole a settembre si è esposto in più di un’occasione sia sulla necessità di incrementare il trasporto pubblico appellandosi al senso di responsabilità dei ragazzi e delle famiglie del territorio comasco.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.