Scuola: solo 57% studenti in Dad ha imparato come in classe

Ricerca Fondazione Agnelli

(ANSA) – TORINO, 09 LUG – Per 9 studenti su 10 delle scuole superiori la didattica e distanza dell’ultimo anno scolastico non ha offerto cambiamenti e innovazioni: lezioni in video, verifiche e compiti a casa sono state le uniche attività proposte dai docenti, senza particolare differenza tra le materie. Per 2 studenti su 3 i voti non sono cambiati, ma solo il 57% ritiene di avere imparato quanto avrebbe fatto a scuola. Una percentuale che cala ancora di più (46%) per i ragazzi che non hanno grande fiducia nei propri mezzi e nelle proprie capacità di apprendimento. Sono alcuni dei dati che emergono dalla ricerca ‘La DaD alle scuole superiori nell’anno scolastico 2020-21: una fotografia. Il punto di vista di studenti, docenti e dirigenti’, realizzata dalla Fondazione Agnelli, insieme al Centro Studi Crenos e al Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Cagliari. "Nella pratica quotidiana della DaD non c’è stato alcun significativo cambiamento metodologico e organizzativo rispetto a prima della pandemia. Quasi tutte le scuole superiori italiane hanno riproposto online e in sincrono la tradizionale didattica basata su lezione frontale, compiti a casa e verifiche, senza un ripensamento dei tempi, delle attività e degli strumenti, che tenesse conto della differenza di fare scuola in classe o a distanza" commenta Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli. La rilevazione ha riguardato un campione rappresentativo di 123 scuole secondarie di II grado, statali e paritarie, in tutta Italia. Sono state raccolte le risposte di 105 dirigenti scolastici, 3.905 docenti, 11.154 studenti. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.