Se a San Fermo si fosse preferita via Napoleona

Il commento
di Marco Guggiari

Le ultime cronache sulla cittadella sanitaria lasciano poco spazio alla speranza. L’immensa area di via Napoleona, dalla quale quattro anni fa ha traslocato l’ospedale, rischia seriamente di diventare semi-dismessa. Una mezza Ticosa, certo non tutta intera, ma soltanto perché lì, nel monoblocco, sono attivi fior di ambulatori del Sant’Anna. Nel resto dei padiglioni, però, lo scenario è già quello da dietro le quinte di una cittadella, però cinematografica e priva di troupe in attività.

La catena negativa che si è innestata è nota: in attesa della perizia decisiva – la quarta – per definire il valore di mercato degli immobili, crisi e tagli delle risorse pubbliche congiurano per l’affossamento del progetto di riqualificazione. Lo Stato riduce i finanziamenti alla Regione, il cui assessore alla Salute si affretta ad annunciare: “Scordatevi la cittadella sanitaria”. L’Asl, dal canto suo, dopo quattro anni di melina, fa sapere che potrebbe trasferire alle pendici del Baradello soltanto consultorio e guardia medica. Per tutto il resto ha già una sede e in tempi di spending review ritiene incongruo rinunciarvi. Tant’è che il direttore della stessa azienda sanitaria, Roberto Bollina, chiede un diverso progetto.
In attesa di capire quale sarà il prossimo passo, si affacciano due certezze. La prima riguarda i tempi lunghi, forse lunghissimi, di un futuro nuovo assetto. È la ricorrente maledizione di questa città. La seconda certezza è tutt’uno con il rammarico di aver costruito il nuovo ospedale fuori Como, anzichè dov’era il vecchio, come ha invece fatto Varese che ha innestato una “piastra” moderna sul nosocomio pre-esistente.
Certo, non si può vivere con la testa girata all’indietro e nessuno nega quale gioiello sia l’ospedale sorto a San Fermo nell’area “Tre Camini”. Ma se si fosse dato retta a chi voleva la nuova struttura in via Napoleona, non vivremmo l’incubo di adesso. L’autosilo Valmulini non sarebbe deserto. E Como non avrebbe perso un pezzo di identità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.