Segre: agente Schivo scelse e fu uomo

Aiutò i detenuti ebrei e morì nel lager di Flossenburg

(ANSA) – MILANO, 21 GEN – L’agente di custodia Andrea Schivo "scelse di essere uomo" a differenza di molti italiani "che si girarono dall’altra parte". La figura dell’agente morto nel lager di Flossenburg perché aiutò i detenuti ebrei reclusi nel carcere di San Vittore a Milano prima di essere deportati é stata ricordata dalla senatrice a vita Liliana Segre nella casa circondariale del capoluogo lombardo dove rimase alcuni mesi prima di essere portata ad Auschwitz. "Gli unici che dimostrarono umanità furono i detenuti comuni – ha raccontato la senatrice – poi passarono altri due anni prima di rivedere degli uomini. Fino ad allora vidi solo mostri". Davanti a San Vittore é stata posta nei giorni scorsi una pietra d’inciampo in memoria di Schivo che fu ucciso il 29 gennaio del 1945.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.