Sei arresti per un traffico illecito di rifiuti

Traffico rifiuti

I carabinieri di Como hanno eseguito all’alba di oggi un’ordinanza di custodia cautelare per sei persone nell’ambito di un’operazione per un traffico illecito di rifiuti. L’attività ruota attorno a un’impresa edile che era già stata sottoposta nel 2017 a interdittiva antimafia.

In un’area a Senna Comasco sarebbero stati smaltiti illegalmente materiali di scarto speciali. I carabinieri avrebbero accertato la gestione illecita di almeno 85mila metri cubi di rifiuti, perlopiù risultati di scavi di lavori edili e stradali. Il materiale è stato depositato in un’area verde di riserva sottoposta a vincoli ambientali e paesaggistici.

Dei sei destinatari dell’ordinanza, 3 sono in carcere e altrettanti ai domiciliari. In cella tre imprenditori, tutti appartenenti alla stessa famiglia di origine calabrese residente a Fino Mornasco.

Ai domiciliari il proprietario del terreno di Senna Comasco dove venivano scaricati i materiali illegalmente, un geologo di Settimo Milanese e un ex dirigente del Comune di Senna, ora in pensione.

Tra le persone portate in carcere anche un imprenditore già arrestato per associazione per delinquere di stampo mafioso e traffico di stupefacenti nel 1994, nell’ambito dell’operazione antimafia nota come “La notte dei Fiori di San Vito” e legato alla locale di ‘ndrangheta di Fino Mornasco.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.