Senso civico contro il baratro morale

Cosa insegna la tragedia della Sardegna

Il papà che con il suo bimbo, nelle ore della tragica alluvione in Sardegna, ha urlato, lottato e chiesto aiuto per più di un’ora, forse è morto anche a causa dell’indifferenza del fratello, di quella persona che si è rifiutata di scendere dall’auto e prestare aiuto. Ha il volto della disperazione di una figlia alla quale era stato garantito dalla badante che la mamma era al sicuro ai piani alti, mentre in realtà stava morendo affogata nel suo letto. È troppo facile puntare il dito. Forse ne siamo tutti un po’ responsabili, chiusi nei nostri problemi, sempre più cinici, indifferenti e individualisti. Il marcio della società non può essere una giustificazione. Per nessuno di noi. Ripartiamo da qui. Da noi e dal senso civico di aiuto al fratello in difficoltà. Se non lo faremo il baratro morale e sociale per tutti noi continuerà a essere ogni giorno pericolosamente più vicino.

Ilaria Mascetti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.