Sequestrati terreni e case alla mafia

Malavita organizzata. Omessa l’obbligatoria comunicazione relativa all’incremento del patrimonio
Blitz della tributaria sui beni di 13 condannati nel Comasco
Il rigore della legge si è ulteriormente abbattuto su 13 dei 79 condannati per mafia nel Comasco. Il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza del capoluogo ha sequestrato villette, case, terreni edificabili e coltivabili e anche un bosco e una stalla. I sequestri sono stati fatti in esecuzione di decreti emessi dall’ufficio del giudice delle indagini preliminari di Como. Il patrimonio dei 13 condannati era cresciuto di un valore superiore ai 10.329 euro senza che fosse fatta l’obbligatoria comunicazione alla Tributaria. 
Leggi l’articolo di  Peverelli in CRONACA

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.