Sequestrato un quintale di marijuana: la droga in un furgone fermato prima a Rodero e poi a Cantello

Finanza sequestro droga

Cento chili di marijuana, per un valore di circa mezzo milione di euro, sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Olgiate Comasco a Cantello, in provincia di Varese.
I militari delle fiamme gialle comasche sono giunti nel piccolo comune del Varesotto seguendo un furgone fermato in precedenza a Rodero e proveniente dalla Sardegna. A bordo del mezzo i finanzieri avevano trovato soltanto due piantane di ferro. Una circostanza giudicata sospetta, che aveva convinto i militari a seguire il furgone.
Una volta che il veicolo è giunto a destinazione, i finanzieri sono intervenuti. Hanno quindi chiesto all’autista e al proprietario della casa le ragioni del viaggio e dell’incontro fra i due, ottenendo risposte che sono parse vaghe e contraddittorie.
A questo punto, coadiuvati dalle unità cinofile del gruppo di Ponte Chiasso, i militari hanno perquisito con attenzione il mezzo di trasporto nel cui doppio fondo, posto al di sotto del vano di carico e apribile con un sofisticato congegno meccanico, sono state trovate 126 buste di cellophane contenenti oltre 100 chili di marijuana, per un valore di vendita al dettaglio stimato in oltre mezzo milione di euro.
La perquisizione veniva estesa all’interno dell’abitazione, dove è stato trovato materiale di vario genere, funzionale al confezionamento dello stupefacente: bilance di precisione, buste di plastica e macchinari per il sottovuoto, oltre a 111 grammi di sostanza, risultata positiva al principio attivo degli oppiacei.
Il corriere della droga, un uomo di origini sarde, di 39 anni, è stato arrestato in flagranza di reato e portato in carcere a Varese con l’accusa di detenzione e traffico di sostanze stupefacenti.
Il proprietario dell’abitazione di Cantello, invece, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Varese per il reato di detenzione ai fini spaccio di sostanza stupefacente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.