Sequestro di titoli e jeans contraffatti

alt Operazioni in dogana

Due sequestri, di indumenti contraffatti e titoli al portatore non dichiarati, ad opera dell’Ufficio delle dogane di Como e della guardia di finanza.
Nell’ambito dei controlli ai viaggiatori sui treni provenienti dalla Svizzera sono stati scoperti 24 titoli al portatore, per un valore complessivo di 120.000 euro, che un

cittadino italiano tentava di introdurre illegalmente nel territorio nazionale.
Alla domanda di rito dei funzionari doganali, il viaggiatore aveva risposto di non aver nulla da dichiarare: subito si è provveduto al sequestro di 11 titoli al portatore per un valore di 55.000 euro.
Ma non è tutto. C’è stato inoltre un sequestro di quasi 20 mila jeans da donna alla dogana commerciale di Ponte Chiasso.
I capi di abbigliamento si trovavano su un Tir frigorifero proveniente dalla Svizzera ed erano stati sdoganati in Germania da una società inglese che aveva concluso la transazione con due società romane, amministrate legalmente da due cinesi.
Sui jeans campeggiava il marchio “Dsq Dsqueen” riproduzione del marchio italiano “Dsq Dsquared”. «Il reato contestato – spiega la Finanza – è quello dell’introduzione in Italia e commercio di prodotti con segni mendaci e sono in corso accertamenti tesi a verificare che la composizione dei jeans sequestrati (materiale e tinte) non sia pericolosa per la salute degli acquirenti».

Nella foto:
I capi d’abbigliamento che sono stati sequestrati in dogana su un Tir frigorifero che stava entrando in Italia dalla Svizzera

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.