Cronaca

Serbatoi bucati per rubare il carburante

altBlitz nella notte a Erba. Colpite sei auto parcheggiate in via Diaz

Ora ogni frontiera è stata superata. Perché nella lunga categoria dei furti si è aggiunta una nuova voce: quella della sottrazione di carburante dalle auto tramite un metodo nuovo. Il blitz dei malviventi è andato in scena nella notte tra martedì e mercoledì a Erba. Prese di mira sono state almeno sei auto parcheggiate in via Diaz. Le modalità, come detto, sono state insolite. Pare che i malviventi non abbiano utilizzato il classico tubo inserito nel serbatoio per

poi aspirare il gasolio, ma abbiano bucato il tubo che conduce il carburante al motore per poi prelevare il liquido infiammabile dando meno nell’occhio. Una azione che è riuscita in pieno dato che nessuno – nel corso della notte – si è accorto di quanto stava avvenendo.
Solo ieri mattina all’alba, quando i proprietari delle automobili si sono avvicinati alle vetture si sono accorti che qualcosa non andava vedendo delle chiazze di gasolio rimaste sotto le vetture.
E anche il successivo tentativo di mettere in moto le automobili non ha dato alcun esito. Immediata, a questo punto, la segnalazione alle forze dell’ordine che hanno raggiunto via Diaz per verificare l’accaduto. Sul posto sono così giunti sia i carabinieri della stazione del paese, sia la polizia locale, oltre ai vigili del fuoco che hanno asciugato l’asfalto e messo in sicurezza l’area di parcheggio. Da una prima analisi dell’accaduto ci si può sbilanciare con il dire che in azione sarebbero entrati dei ladri che ben sapevano come muoversi e dove bucare, per poi prosciugare il carburante contenuto nei serbatoi.
Pare, inoltre, che una simile tecnica fosse già stata utilizzata nei giorni scorsi da altre parti della città, con tanto di denunce e segnalazioni fatte alle forze dell’ordine.
Dell’accaduto è stato informato anche il sindaco di Erba, Marcella Tili.
«La nostra è una città tranquilla, soprattutto se paragonata ad altre aree della provincia – dice il primo cittadino – Questo anche per la presenza dei carabinieri e della polizia locale, oltre che delle telecamere anche se purtroppo, nel punto in cui è avvenuto il furto di carburante, non c’erano occhi elettronici. Detto questo, nell’ultimo mese e mezzo abbiamo notato anche noi dei segnali che ci invitano a prestare attenzione a quanto sta accadendo. Per questo chiedo ancora di più l’aiuto dei cittadini e la segnalazione di ogni sospetto alle forze dell’ordine».
Ma il sindaco non vuole nominare le ronde.
«Ho chiesto al prefetto Michele Tortora un incontro per parlare di quanto sta avvenendo. Ci troveremo già in queste ore per confrontarci anche con le forze dell’ordine».

M.Pv.

Nella foto:
La stazione dei carabinieri di Erba. Il furto di gasolio in almeno sei auto è andato in scena nella notte in via Diaz
28 Nov 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto