Settanta chili di cocaina bruciati nel forno inceneritore

Il percorso – La polvere bianca giunta dal Sudamerica e sequestrata è finita in un inferno di fiamme
Abbiamo assistito all’ultimo viaggio di 70 chili di cocaina purissima, oltre il 90%, gettati nel forno inceneritore, l’enorme “camino” che gestisce i rifiuti di Como. Pochi secondi, e la polvere bianca che sul mercato avrebbe fruttato oltre sette milioni di euro, è scomparsa nel nulla. Dopo il via libera della Procura allo smaltimento, la polvere bianca giunta sul Lario dal Sudamerica, via Grecia e Ancona, ieri mattina è stata trasferita con furgone blindato e scorta della finanza al forno inceneritore. Qui i panetti finiscono in un inferno di fiamme.
Leggi l’articolo di Peverelli in CRONACA

Nella foto:
Un momento del “percorso” attraverso il quale la cocaina è stata distrutta nel forno inceneritore (foto Villa)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.