Sette possibili sì al nuovo dormitorio per i senzatetto. A breve un incontro Comune-associazioni

Senzatetto, deboli, clochard, homeless

Sul nuovo, auspicato e atteso dormitorio in città, qualcosa sembra muoversi. Dopo il voto in consiglio comunale di una mozione che ne chiedeva l’apertura, molto tempo è trascorso senza che nulla accadesse.
Fonti di Palazzo Cernezzi, però, assicurano che a breve dovrebbe tenersi un incontro tra l’amministrazione di centrodestra e le associazioni del territorio chiamate a partecipare alla realizzazione del nuovo dormitorio.
Un passo forse decisivo, in ogni caso molto importante, anche visto lo stallo che sinora aveva caratterizzato la vicenda.
Ancora lo scorso mese di novembre, il Comune aveva lanciato un Sos a un lungo elenco di destinatari – 21 in totale, tra cui commercianti, industriali, Acli, cooperative, ospedali, la Diocesi, i valdesi, i pentecostali e gli ortodossi.
Soltanto alcuni di loro, però, si sono fatti avanti. Sette, al momento, le associazioni e gli enti che dopo aver ricevuto la lettera di Palazzo Cernezzi hanno deciso di accoglierne anche l’appello.
La proposta di un secondo dormitorio permanente, che andasse oltre la disponibilità di letti nella sola stagione invernale, era nata da una mozione promossa dall’ex consigliere comunale Patrizia Maesani – eletta nella lista di Fratelli d’Italia e poi passata al gruppo misto prima di lasciare l’assemblea di Palazzo Cernezzi – e aveva poi raccolto adesioni trasversali, fino all’approvazione dell’aula, nel luglio scorso.
Il testo prevede che la struttura possa trovare collocazione sia in uno degli immobili di proprietà del Comune, sia in edifici di proprietà di soggetti terzi coinvolti direttamente nell’operazione.
Attualmente, Palazzo Cernezzi non avrebbe spazi pronti da destinare all’uso, salvo ristrutturazioni importanti che porterebbero via inevitabilmente tempo e risorse.
Entro la prossima settimana si terrà l’incontro in Comune e soltanto allora si potrà capire se ci sarà un futuro o meno per il nuovo dormitorio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.