Settembre Classico conclude gli appuntamenti di settembre

Villa Imbonati (Cavallasca), conferenza stampa Settembre Classico. In foto: Noemi Serrano (direttore artistico Settembre Classico).

“E’ un repertorio nuovo rispetto a quello che abbiamo affrontato fino ad adesso! Ci stiamo innamorando ogni giorno di più di questo nuovo universo: la musica barocca è un travolgente scambio di energia. Inoltre, sono molto orgoglioso come direttore dell’Orchestra Settembre Classico di poter dare spazio come solisti a membri della nostra orchestra a conferma della validità dei musicisti che abbiamo in organico”
.
Queste le parole del maestro Stefano Nigro , direttore dell’ Orchestra SettembreClassico , immerso in questi giorni nel lavoro di preparazione al concerto che avrà luogo sabato 25 settembre alle ore 17 presso l’Auditorium di via Lancini a San Fermo della Battaglia e che chiuderà gli appuntamenti di settembre di “Settembre Classico” in attesa della stagione sinfonica. “Discepoli del barocco” , è questo il titolo dell’appuntamento molto atteso che avrà come protagonisti il maestro Stefano Nigroe l’Orchestra Settembre Classico, il giovane pianista Cosme Parolai e i solisti dell’Orchestra Settembre Classico: l’oboista Alberto Melgrati e la fagottista Anna Maria Barbaglia. Sarà quindi un pomeriggio particolare e ricco di olisti a Settembre Classico per un concerto che, come si può facilmente intuire dal titolo, celebrerà lamusica barocca. Scopriamo nel dettaglio il programma. In apertura potremo ascoltare l’ouverture da “Armide” di Jean Baptiste Lully seguita dal primo movimento del Concerto in Mi maggiore per pianoforte e orchestra di Johann Sebastian Bach BWV 1053 eseguito da Cosme Parolai: il giovanissimo pianista francese, allievo di Noemi Serrano, è un gradita riconferma nel cartellone del festival dopo il successo dello scorso anno. Il concerto proseguirà con la Sinfonia in Do maggiore Wq 182,3 di
Carl Philipp Emanuel Bach , figlio di Johann Sebastian, un brano brillante e di bravura che richiederà all’orchestra di esibire un notevole virtuosismo. A seguire Vivaldi , con tre concerti eseguiti come detto dai solisti dell’Orchestra Settembre Classico. Melgrati aprirà con il Concerto in Re minore per oboe e archi RV 454, Barbaglia proseguirà con il
Concerto per fagotto e archi in Mi minore RV 484 ed entrambi saranno protagonisti del gran finale con il Concerto in Sol maggiore per oboe, fagotto e archi RV 545. Sarà quindi un programma vivace e ricco di diversi colori che offrirà agli spettatori di Settembre Classico tanti nuovi stimoli. Dopo il classicismo e il repertorio lirico la rassegna musicale diretta dalla pianista Noemi Serrano sceglie di approfondire il barocco per la prima volta, esplorandone le bellezze e unicità. L’accurata offerta musicale è del resto da sempre una linea guida del festival musicale giunto quest’anno alla sua terza edizione. Ingresso libero fino a esaurimento posti, sarà necessario essere provvisti di green pass e indossare la mascherina durante tuttala durata del concerto. Info 349 369 1707 e 320 721 7772.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.