Settimana di incontri per la “Passione per il delitto”

L'immagine di copertina del romanzo "Giovanissimi" di Alessio Forgione

Continuano gli appuntamenti de “La Passione per il delitto Channel”, rassegna del giallo che si tiene ogni anno in Brianza e che, in questi tempi di pandemia, ha esteso sul web l’amore per i libri gialli e le presentazioni delle ultime uscite. Oggi, alle ore 18.30, Alessio Forgione, in “Giovanissimi”  (NN Editore) ci racconta un mondo di ragazzini che crescono da soli, tra desideri di grandezza e delusioni repentine, piccoli crimini e grandi violenze. Presenta Elisabetta Bucciarelli. Giovedì 18 febbraio, alle ore 20.30, Pietro Leveratto presenta “Il silenzio alla fine” (Sellerio) intervistato da Katia Trinca Colonel. Quello di Leveratto è un giallo storico ambientato nella New York del 1932, dove tre personaggi incrociano drammaticamente le loro esistenze. Li accomuna la musica e un destino travolto dal movimento frenetico di una città che non dorme mai, agli ultimi sgoccioli del proibizionismo.

Venerdì 19 febbraio, alle ore 19, toccherà a Marco Scardigli con il suo “Tina e il mistero dei pirati di città” (Interlinea), intervistato da Nicoletta Sipos. Tornano le indagini del vicecommissario Marchini nella Novara d’inizio Novecento. Sabato 20 febbraio, alle ore 18.30, Alex Pavesi dialoga con Paola Pioppi su “Otto detective” (Mondadori). Protagonista Grant McAllister, professore di matematica che ha messo a punto la ricetta del giallo perfetto e ha scritto sette racconti, ciascuno dei quali rivela un ingrediente. Chiude la settimana Davide Longo con “Una rabbia semplice” (Einaudi) in dialogo con Paola Pioppi domenica 21 febbraio alle ore 18.30. Il commissario Arcadipane viene destato dal torpore in cui è caduto da un episodio di violenza come ce ne sono molti dietro cui, però, si nasconde un male così insensato da spegnere le parole in bocca.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.