Cronaca

Sfida a due tra Tili e Spagnuolo. Il sindaco uscente sfiora la vittoria

La Lega aumenta i consensi, Pozzoli supera quota 5%
Erba andrà al ballottaggio. Questo l’esito inoppugnabile emerso dalle urne. A sfidarsi saranno il sindaco uscente Marcella Tili – alla guida di una coalizione formata da Pdl, Udc, “Noi di Erba” e “Il buonsenso a Erba” – che ha ottenuto il 46,54% (3.907 voti) e Michele Spagnuolo (Pd, Idv, La Sinistra e “Erba civica”) che ha raggiunto il 32,99% delle preferenze (2.770 voti). Esclusi dai giochi di potere Erica Rivolta (Lega Nord, “Erba Solidale”) ferma a quota 14,93% (1.254 voti) e Filippo Pozzoli
(“Polo civico di centro”) al 5,51%, con 463 preferenze.
In calo anche a Erba la percentuale dei votanti che si è fermata al 65,38% rispetto al 73,66% del 2007. Dei 13.454 elettori si sono presentati alle urne in 8.797 contro i 10.142 del 2007. Un crollo sostanzioso che potrà influire sul ballottaggio in programma il 20 e il 21 maggio.
Analizzando i singoli numeri emergono alcune importanti differenze – nei partiti maggiormente rappresentativi – rispetto alla passata tornata elettorale. Il Pdl ha raccolto il 34,03% ovvero 2.663 voti (nel 2007, l’allora Forza Italia toccò quota 40,64%). Il Pd raggiunge il 19,84% con 1.553 voti (nel 2007, l’Ulivo raggiunse il 15%). In salita, nonostante il deludente risultato complessivo, la Lega che raggiunge il 12,28%, pari a 961 voti (nel 2007 si fermò al 9,88%).
Le altre percentuali vedono, nella coalizione Tili, la lista “Il buonsenso a Erba” al 6,62%, “Noi di Erba” al 4,02% e l’Udc all’1,66%. Il fronte Spagnuolo ottiene invece anche il 3,15% della Sinistra, il 9,44% di “Erba Civica” e l’1,52% dell’Idv. Infine, la Rivolta era appoggiata anche dalla lista “Erba solidale” ferma al 2,45%.
«Magnifico risultato. Certo, puntavamo alla vittoria fin dal primo turno e, a un certo punto, sembrava fatta – ha detto il sindaco Marcella Tili – Però va bene così. Si è sentito anche in provincia il vento dell’antipolitica, ma noi siamo sempre qui, pronti per il ballottaggio. Inoltre, fatto da non trascurare, abbiamo governato negli anni più difficili dal dopoguerra». Soddisfatto anche Michele Spagnuolo: «La gara è ancora aperta. Possiamo farcela. I sondaggi ci davano al 29,5%, siamo andati ben oltre. Il divario con la Tili è sostanzioso, ma non è detta l’ultima parola. Ora bisognerà lavorare duramente in questi giorni, soprattutto per portare alle urne chi non ha votato».
Un pizzico di rammarico per Erica Rivolta, candidata della Lega Nord. «Rispetto al 2007 siamo decisamente in salita. Abbiamo fatto segnare quasi un + 3% rispetto a 5 anni fa – ha detto la Rivolta – Certo sulla nostra campagna elettorale hanno influito diversi fattori. Innanzitutto il ritardo nella mia designazione a candidato sindaco rispetto agli sfidanti che hanno cominciato a lavorare fin da novembre, poi la campagna mediatica contro la Lega e l’astensionismo».

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Michele Spagnuolo, candidato del centrosinistra, ieri al seggio
8 Maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto