Sgominata la banda dei supermercati

alt

Fermati dalla polizia di frontiera
Tre peruviani e un cubano riconosciuti grazie alle telecamere

(a.cam.) Fermata dalla polizia la banda dei furti nei parcheggi degli ipermercati. In poche settimane, il gruppo aveva messo a segno almeno una dozzina di colpi sulle autovetture in sosta al Lario Center di Tavernola e al Gran Mercato di Sagnino.
Gli agenti hanno identificato la macchina sospetta, una Micra azzurra, e hanno organizzato una serie di appostamenti fino a individuare i malviventi.
L’inchiesta è scattata il 13 dicembre scorso, dopo la denuncia di una 45enne svizzera, derubata

della borsa e del navigatore satellitare mentre sistemava il carrello nel parcheggio sotterraneo del Gran Mercato di Sagnino.
Gli agenti della polizia di frontiera di Ponte Chiasso, analizzando i filmati delle telecamere di videosorveglianza, hanno notato due possibili sospetti – un uomo e una donna – e hanno annotato il modello della loro auto.
Nei giorni successivi, sono stati messi a segno altri colpi analoghi. In tutti i casi, le vittime venivano derubate nel parcheggio sotterraneo. I malviventi agivano sempre di mattina, prendendo di mira i clienti soli e arraffando ciò che potevano dalle auto. Gli agenti hanno organizzato una serie di appostamenti. Venerdì mattina, l’operazione ha dato l’esito sperato quando nel parcheggio del Gran Mercato è arrivata la Micra azzurra sospetta con quattro persone a bordo.
Fermata la macchina, gli occupanti sono stati accompagnati negli uffici della polizia di frontiera. Tre erano cittadini peruviani in regola con il permesso di soggiorno, residenti a Milano – un 40enne e due donne, una ventenne in attesa di un figlio e una 38enne – mentre il quarto, senza documenti, ha detto di essere cubano, ma è poi risultato destinatario di un’ordinanza di espulsione dall’Italia. Come accertato dagli agenti, i due peruviani più anziani erano molto somiglianti ai ladri ripresi dalle telecamere in occasione del primo furto denunciato. Nella loro auto, inoltre, è stato ritrovato uno dei navigatori rubati. Entrambi sono stati denunciati a piede libero per furto e ricettazione e sono state avviate le procedure per il foglio di via obbligatorio. Almeno una dozzina i colpi accertati, soprattutto ai danni di donne che erano andate a fare la spesa.

Nella foto:
I furti messi a segno dalla banda dei supermercati erano stati denunciati da clienti del Bennet di Tavernola e del Gran Mercato di Sagnino

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.