Cronaca

Sgominata la banda delle slot, aveva colpito nell’Erbese

altCriminalità – I componenti sono accusati di aver compiuto quasi sessanta furti in tre mesi, da luglio a settembre dello scorso anno, in mezza Lombardia
Il gruppo di 15 romeni, tutti di età tra i 20 e i 32 anni, era entrato in azione a Ponte Lambro e Merone

Quasi sessanta colpi in tre mesi, da luglio a settembre dello scorso anno. Furti compiuti in serie, seguendo sempre lo stesso copione, in bar e sale da gioco di mezza Lombardia, provincia di Como compresa. Nel mirino della banda sgominata nelle scorse ore dai carabinieri di Varese, erano soprattutto slot-machine e macchinette cambiamonete, ma anche automobili parcheggiate nei cortili.
L’organizzazione criminale, secondo quanto emerso dalle indagini, era composta da 15 uomini, tutti romeni di

età compresa tra i 20 e i 32 anni. La Procura di Busto Arsizio, che ha coordinato le indagini effettuate dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Varese, ha ordinato la custodia cautelare dell’intera banda dei videopoker. Sette, al momento, i malviventi arrestati e rinchiusi in carcere, mentre gli altri otto risultano ancora latitanti.
Complessivamente, la banda avrebbe messo a segno nell’arco di tre mesi 33 furti in bar ed esercizi pubblici, tentandone ulteriori 12 senza riuscire però a portare a termine il piano. Nello stesso periodo, i malviventi hanno rubato 11 veicoli e hanno tentato di impossessarsi, senza riuscirci, di un’altra macchina parcheggiata nel cortile di una casa. Tra le zone prese di mira dalla banda – che ha agito nelle province di Varese, Milano, Como, Monza e Brianza, Lecco, Pavia e Novara – anche alcuni locali nell’Erbese, a Merone e Ponte Lambro.
La banda agiva sempre di notte. I ladri forzavano porte o finestre con oggetti da scasso, ma in alcuni casi addirittura servendosi di tombini in ghisa recuperati sulla strada. Nel luglio scorso, i raid dei malviventi si erano concentrati soprattutto in provincia di Varese, con furti a raffica nei comuni di Malnate, Vedano Olona, Gallarate, Vergiate, Arsago Seprio, Sesto Calende, Gerenzano, Besnate, Venegono Inferiore, Venegono Superiore e Busto Arsizio.
Le indagini hanno permesso di individuare anche la base logistica della banda, un appartamento in zona Bisceglie, a Milano, dove i malviventi romeni erano ospitati da un connazionale 48enne, tuttora ricercato perché accusato di favoreggiamento personale e reale. L’uomo, oltre a fornire un alloggio alla banda, aveva messo a disposizione anche alcuni locali nei quali i ladri nascondevano la refurtiva. Rinchiusi in carcere 7 dei componenti della banda, il lavoro dei militari dell’Arma prosegue per bloccare anche gli altri otto romeni destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare. Non è escluso che alcuni di loro, in Italia senza fissa dimora, siano tornati in Romania per sfuggire alla cattura.

Anna Campaniello

Nella foto:
Le slot machine erano sempre tra gli obiettivi prediletti della banda di romeni
16 marzo 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto