Si accascia mentre cammina: dramma in centro

altInutili i soccorsi – Il corpo è rimasto per lunghi minuti sull’asfalto coperto da un telo bianco
All’alba malore fatale in via Gallio a Como: la vittima è un 62enne
Da quanto è stato possibile ricostruire, in base alle testimonianze dei presenti, avrebbe parcheggiato l’auto per poi incamminarsi in direzione della posta. Qui, però, si è sentito male e si è accasciato al suolo. Un malore mortale per un 62enne di Montano Lucino, Giuseppe Ceruti, e a nulla sono valsi i soccorsi immediati del medici del 118 giunti sul posto. Il dramma si è consumato ieri mattina

all’alba, poco dopo le 6, in via Gallio a Como. E il corpo dello sfortunato uomo è rimasto sul selciato per molti minuti, coperto da un lenzuolo bianco, alla vista di tanti comaschi che a quell’ora si recavano al lavoro.
Sul posto sono giunti anche i carabinieri di Como che hanno constatato l’accaduto e segnalato il decesso al sostituto procuratore di turno in procura, il pubblico ministero Maria Vittoria Isella. Il magistrato non ha disposto alcuna autopsia in quanto sarebbe evidente la natura del decesso, ovvero un malore improvviso e devastante che non ha lasciato scampo al 62enne di Montano.
Le indagini hanno portato a ricostruire l’accaduto. Secondo il racconto delle persone presenti sul posto, l’uomo avrebbe prima parcheggiato il proprio veicolo per poi incamminarsi lungo via Gallio. Qui, nei pressi dell’ufficio postale, il 62enne ha perso i sensi dopo essersi sentito male. Nel cadere a terra avrebbe anche picchiato il capo sul selciato. Un malore che nemmeno l’intervento della Croce Rossa di Como e dell’auto medica del Sant’Anna hanno potuto curare.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Il corpo della vittima riverso a terra poco dopo il malore fatale in via Gallio. Inutili i soccorsi del 118. Sul posto sono giunti anche i carabinieri di Como che hanno poi segnalato l’accaduto alla procura cittadina (foto Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.