Si cambia rotta ma non si sa per dove

Il commento
di Dario Campione
Uno sguardo d’insieme sulla nuova giunta di via Parini mette in evidenza almeno un punto essenziale: il deciso cambio di rotta rispetto ai 10 anni di presidenza De Santis. Tornano sulla scena, con i loro massimi esponenti, le associazioni di categoria. I “piccoli” vengono ridimensionati in modo ulteriore (quando non emarginati). Se questo sia il preludio a una virata anche nella politica dell’ente, si vedrà. Certamente, le minori risorse a disposizione non potranno che condizionare le scelte

di Taborelli e del suo esecutivo. Tuttavia, per capire bene quale strada prenderà la Camera di Commercio, bisognerà aspettare le nomine nelle società partecipate e, in particolare, la soluzione del rebus Sviluppo Como, “cassaforte” dei progetti di innovazione avviati negli anni scorsi e rimasta senza presidente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.