Cronaca

Si chiude il ventennio della Lega

Il commento
Tra i due fratelli Livio, Beppe e Maria Rita, si consuma in realtà un passaggio storico. Quello della caduta della Lega dallo scranno di Villa Saporiti. Una perdita di potere che fa rumore sul Lario. Se infatti è vero che il Carroccio non è mai stato in grado di esprimere il sindaco di Como, in provincia, sette anni fa, Leonardo Carioni vinceva al primo turno con quasi il 70% delle preferenze, un plebiscito.
Il punto più alto di un’ascesa iniziata nel maggio del 1995, quando la Lega fu decisiva per la vittoria di Giuseppe Livio, appoggiato dal Carroccio e da una coalizione di centrosinistra contro il forzista Mario Alberto Taborelli.

Il matrimonio non durò a lungo, ma tre anni dopo la Lega era in grado di governare con l’ex sindaco di Cantù, Armando Selva. Due mandati prima di passare il testimone a un altro sindaco, quello di Turate, Carioni. Nel maggio del 2002, Carioni – forte dell’appoggio di Forza Italia, An e Udc – evita il ballottaggio con il 59,3%. Un successo che cresce ancora cinque anni più tardi. E nonostante Carioni sia poi stato commissario, la Lega non è neppure stata in grado di presentare un suo candidato. Ora il partito di Salvini si deve accontentare di due consiglieri a Palazzo Cernezzi e uno a Villa Saporiti.

di Paolo Annoni 

14 Ott 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto