Si difendono i giovani finiti in cella Chiesta l’attenuazione delle misure

Dopo il blitz antidroga tra Menaggio e Porlezza
(m.pv.) Sono iniziati ieri mattina gli interrogatori al Bassone degli arrestati dell’operazione “Reset” condotta dai carabinieri della stazione di Porlezza e, più in generale, dalla compagnia di Menaggio. Il giudice che ha firmato l’ordinanza che ha sgominato lo spaccio della droga tra Menaggio e Porlezza, si è recato ieri in carcere per sentire gli indagati colpiti dalla custodia cautelare in cella. Tutti avrebbero risposto alle domande del giudice Ferdinando Buatier de Mongeot. Quest’ultimo tuttavia si sarebbe riservato sulle richieste avanzate di attenuazione della misura cautelare. L’ordinanza, oltre ai quattro in carcere, ha colpito anche due persone (finite ai domiciliari) e altri cinque con l’obbligo di firma.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.