Si fingono carabinieri. Assalto sventato

altSuona l’allarme
Intorno alle 23.30 di lunedì notte, hanno sentito suonare il campanello della propria abitazione quando erano già a letto. Una coppia di pensionati ha così risposto al citofono per vedere chi fosse a quell’ora, e si sono sentiti rispondere: «Carabinieri, abbiamo una comunicazione importante da fare, scendete subito». L’uomo anziano a quel punto ha aperto la finestra e si è affacciato, trovandosi di fronte uomini in borghese e un’auto con i lampeggianti accesi. È quindi sceso per aprire la porta, dimenticandosi tuttavia (ed è stata la sua fortuna) di disattivare l’allarme dell’abitazione.

Così, quando ha aperto per andare incontro ai carabinieri, è scattata la sirena. La reazione dei finti militari è stata però inattesa: quella della fuga. La rapina che con ogni probabilità stavano per mettere in atto fingendosi uomini dell’Arma è infatti sfumata grazie al suono dell’antifurto. La vicenda, come detto, è andata in scena lunedì sera in via Tobruk a Cantù, una piccola e tranquilla via nella parte della città spostata verso Capiago Intimiano. Gli anziani, spaventati per l’accaduto, hanno chiamato i carabinieri (quelli veri) che si sono presentati sul posto per effettuare un sopralluogo. Gli uomini del radiomobile della compagnia di Cantù hanno sentito il racconto della coppia di pensionati, iniziando subito la ricerca dei malviventi.

 

Nella foto:
Preoccupante episodio a Cantù

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.