Si guasta un cancello, Tir tutti in coda

Dogana di Ponte Chiasso
Si rompe un cancello in dogana e le code dei Tir si allungano. Un singolare disguido sta intasando, negli ultimi giorni, il valico commerciale di Ponte Chiasso. La segnalazione giunge direttamente dalla Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa (Cna) di Como. «Abbiamo ricevuto numerose chiamate e lamentele – dice Alberto Bergna, segretario generale della Cna di Como – In tanti ci hanno detto che al valico doganale di Ponte Chiasso si sarebbe guastato il

cancello transiti, attraverso il quale passano i mezzi che arrivano dalla Svizzera e sono diretti in Italia».
E per evidenziare le difficoltà dei camionisti, Bergna ha scritto una lettera indirizzata al prefetto di Como, Michele Tortora, per metterlo al corrente delle difficoltà degli autotrasportatori nel superare la frontiera in tempi rapidi.
«Questo malfunzionamento in territorio italiano costringe gli autisti a scendere dai veicoli per recarsi personalmente al cancello degli sdoganamenti – dice sempre Bergna – Qui devono poi consegnare la documentazione necessaria per poter passare». L’operazione in sé non è particolarmente difficoltosa, ma «ha la conseguenza di creare una lunga colonna di autoveicoli pesanti in transito dalla Svizzera con inevitabili disagi e pesanti ripercussioni sulla circolazione. Chiediamo che si intervenga per verificare cosa è successo», specifica sempre Bergna.
«Da un lato, i camionisti perdono tempo in operazioni che prima si effettuavano direttamente dalla cabina di guida, senza doversi fermare, scendere e recarsi personalmente presso il cancello attraverso il quale si transita – aggiunge Giuseppe Frezza, responsabile della Fita Cna di Como – dall’altro, ciò crea lunghi incolonnamenti». In attesa di un intervento chiarificatore del prefetto, «abbiamo anche allertato le autori doganali che si starebbero già interessando al problema», conclude Frezza.

Fabrizio Barabesi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.