Cronaca

Si lancia nel vuoto dal ponte sul Cosia. I poliziotti lo salvano prendendolo al volo

altSpettacolare intervento nella serata di lunedì in pieno centro città

 

Si è lanciato nel vuoto dal ponte della ferrovia che attraversa il Cosia, in pieno centro città.
A salvarlo sono stati sei eroi, agenti delle volanti di polizia, che non hanno esitato a sporgersi rischiando di cadere a loro volta pur di afferrarlo all’ultimo momento per i piedi e i talloni.
L’uomo, trattenuto nel vuoto per

alcuni interminabili secondi, è stato poi issato di nuovo sulla massicciata ferroviaria.
L’episodio è andato in scena nella serata di lunedì poco prima delle 21.30. Il giovane, 27 anni, romeno, già noto in città (e alle forze dell’ordine), è salito sul ponte della ferrovia che attraversa il Cosia per farla finita. La sua sagoma è stata notata, seppur nell’oscurità, da alcuni cittadini che hanno allertato le forze dell’ordine. Sul posto, in pochi attimi, sono arrivate tre volanti della polizia che hanno immediatamente riconosciuto il giovane e hanno iniziato a parlare con lui. Due agenti sono rimasti sotto il ponte, gli altri quattro si sono avvicinati piano piano al 27enne.
Arrivati a pochi metri, però, sono stati notati dal romeno che con un gesto repentino ha scavalcato la balaustra e si è lanciato nel vuoto.
Decisiva, intuita la malaparata, è stata la reazione degli agenti che si sono gettati a loro volta oltre la balaustra per cercare di afferrare il 27enne.
E gli uomini delle volanti sono riusciti nel loro intento, trattenendo il ragazzo per i piedi e i vestiti. Interminabili secondi prima di issare il corpo di nuovo sulla massicciata ferroviaria.
Il 27enne, in stato confusionale, è stato trasportato al Sant’Anna ma non è in gravi condizioni.
Anche tre agenti hanno dovuto chiedere le cure del pronto soccorso per lussazioni e problemi muscolari relativi proprio al grande sforzo di trattenere nel vuoto il giovane romeno. Il merito del salvataggio è del sovrintendente capo Sergio Iaccino, degli assistenti Carlo Falcetta, Andrea Catacchio e Alan Pecovela, oltre che degli agenti scelti Luca La Gaccia e Vincenzo De Stefano.
«Alle volte il caso può fornire un aiuto importante – dice il sovrintendente capo Sergio Iaccino – Eravamo in zona e vicini al punto indicato lungo il Cosia, quindi le tre volanti sono arrivate quasi in contemporanea. Il buio ha permesso di nasconderci fino ad arrivare vicino al ragazzo che tra l’altro conoscevamo. Siamo saliti in quattro, mentre gli altri due sono rimasti sotto a parlare con lui».
«Quando eravamo a tre metri ci ha visto – ricorda Iaccino emozionato – ha scavalcato il parapetto e si è lanciato. Non so dire cosa sia successo. È stato un attimo. Mi ricordo solo che ci siamo messi a correre intuendo quello che stava avvenendo e l’abbiamo afferrato in qualche modo, un po’ per i piedi, un po’ per i vestiti. È rimasto a penzoloni una quindicina di secondi, poi siamo riusciti a issarlo sul ponte». «La cosa ci ha toccato – conclude il poliziotto – Abbiamo fatto qualcosa di utile, salvando la dignità di un essere umano. E alla fine i suoi occhi, quando veniva soccorso dal 118, sembravano ringraziarci».

Mauro Peverelli

Nella foto:
Gli agenti delle volanti nel punto del ponte della ferrovia dove l’uomo si è lanciato nel vuoto (foto Mv)
27 marzo 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto