Si perde nel bosco: ritrovato grazie a un biglietto scritto a mano

Carabinieri

A indicare la via giusta da seguire, all’interno del Parco Pineta, è stato un foglietto di carta con degli appunti. Carta che l’uomo aveva perso prima di cadere lungo una riva finendo nel greto di un fiume.
Ma altrettanto importante è stata la conoscenza del territorio acquisita dalle forze dell’ordine in questi mesi di indagini contro lo spaccio della droga nei boschi tra le province di Como e di Varese.
Così, quando lunedì sera è arrivata la nota per avviare le ricerche di un 83enne che, uscito per raccogliere funghi, non aveva più fatto rientro a casa, i carabinieri di Appiano Gentile – con i colleghi del Nucleo operativo e Radiomobile, con la Protezione civile e con i vigili del fuoco – hanno iniziato a battere il Parco Pineta palmo a palmo fino a individuare quel foglietto manoscritto e, in seguito, il disperso.
L’uomo, 83 anni, era uscito per cercare funghi addentrandosi nel bosco fino a scivolare lungo una riva fermandosi a pochi passi da un torrente. Da qui, non era più riuscito a raggiungere il sentiero. L’anziano è stato individuato quando ormai era buio, soccorso e trasportato all’ospedale di Tradate, provato ma in buone condizioni. L’allarme era stato lanciato dal nipote dell’83enne.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.