Sicurezza degli eventi natalizi: oggi il vertice in Prefettura

Piazza Duomo invasa per la Città dei Balocchi

Sicurezza durante gli eventi di Natale a Como, è previsto per questa mattina l’incontro decisivo del Comitato per l’ordine e la sicurezza. Al centro della riunione, la relazione presentata dagli organizzatori della manifestazione, aggiornata e corretta in base alle ulteriori richieste avanzate da Prefettura e Comune.
«I documenti inviati dagli organizzatori degli eventi di Natale sono stati visionati da prefettura, Questura, Comune, vigili del fuoco e servizio sanitario – ha spiegato Nicola Venturo, capo di gabinetto della Prefettura di Como a Etv – Domani (oggi ndr) tireremo le conclusioni nel caso in cui non dovessero esserci prescrizioni».
Negli anni, l’afflusso di persone è cresciuto e la Città dei Balocchi è stata classificata come un “evento a rischio elevato”. Di qui la necessità di un piano dettagliato sulla sicurezza, che dovrà essere discusso e approvato dal comitato per l’ordine pubblico, con l’obiettivo di evitare blocchi o paralisi totali nelle piazze del capoluogo durante i giorni di grande affollamento per lo shopping e gli eventi legati al Natale.
A meno di venti giorni dall’inizio della manifestazione – la kermesse scatterà il 23 novembre – dovrebbe già essere tutto predisposto in modo chiaro e puntuale. Restano invece alcune criticità e questioni che devono essere risolte per definire il tanto atteso piano sicurezza. Una di queste riguarderebbe la baita, o “polentoteca”, che sarà posizionata sul lungolago Mafalda di Savoia, nella zona dei giardini a lago e le cui attività saranno principalmente di ristorazione e degustazione. Da quanto è emerso, si tratta di un edificio in legno, con un soppalco al quale è possibile accedere da una scala esterna, dotato anche di una tensostruttura. Maggiori dettagli e chiarimenti sarebbero stati richiesti agli organizzatori dell’evento proprio sulla struttura, per comprendere la dislocazione degli ambienti a cui hanno accesso le persone.
Sembrerebbero invece confermate le modifiche già annunciate. Sul Broletto ci saranno delle proiezioni di luci con accompagnamento musicale, ma la torre non “parlerà” per evitare assembramenti prolungati in piazza Duomo. Saranno creati percorsi obbligati per l’accesso e il deflusso e sono previsti più addetti al controllo e alla sicurezza.
Saranno 100 le casette di legno, piccole e grandi, del mercatino di Natale, allestite in via Pretorio, piazza Verdi, via Plinio, piazza Grimoldi, piazza Cavour e infine via Boldoni. 
Luminarie
Ieri il Comune di Como ha pubblicato all’Albo Pretorio anche le caratteristiche del progetto “luminarie”, che prevede il contributo di 24mila euro da Palazzo Cernezzi e lascia libertà di scelta e autonomia di azione alle attività del distretto urbano del commercio.
Non vale più, dunque, l’indicazione di un unico fornitore di luminarie che gli scorsi anni veniva segnalato dallo stesso Duc, omologando la proposta. Entro il 20 novembre, dalle 10 alle 24, nelle vie interessate dovranno aderire almeno il 40% delle attività. Ogni strada potrà chiedere fino a 3mila euro a fondo perduto per una spesa di almeno 6mila euro. La quota singola di adesione dovrà però essere non inferiore a 150 euro (la media degli scorsi anni era di 100 euro) per favorire la qualità delle installazioni.
Il Comune di Como mette a disposizione contatori elettrici nelle vie: Albertolli, Bellinzona, Luini, Borsieri, Canturina, Carloni, Dottesio, Giovio, Lambertenghi, Mentana, Monti, Borgovico, Milano, Manzoni, Benzi, in Largo Miglio, piazza De Gasperi e nei viali Lecco e Lungo Lario Trieste.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.