Sicurezza in corsia, vertice con le Rsu aziendali

altChiesto un confronto con la direzione dell’ospedale Sant’Anna
(a.cam.) «La sicurezza è il primo aspetto che teniamo in considerazione ed è garantita sempre».
Il comandante della vigilanza dell’Azienda di San Fermo, Alberto Quadrio, rassicura utenti e personale dopo la presa di posizione della Federazione Sindacati Indipendenti (Fsi) che ha chiesto un incontro a prefetto e questore per segnalare presunti rischi per la sicurezza causati da problemi organizzativi del servizio di vigilanza.
Venerdì scorso, le Rsu hanno convocato un’assemblea degli addetti alla sicurezza – 24 operatori – dipendenti dell’Azienda Ospedaliera.

«Abbiamo chiesto un confronto con la direzione per valutare la situazione e capire quali siano le intenzioni dell’Azienda Ospedaliera sulla gestione del servizio e sulla soluzione di criticità – sottolinea Massimo Coppia, sindacalista Uil – A larghissima maggioranza, però, con un solo voto contrario e un astenuto, i dipendenti hanno preso le distanze dalla decisione del sindacato Fsi di rivolgersi a un legale e di coinvolgere questore e prefetto. Il mandato per gestire la vicenda è stato dato dunque alle Rsu e alle segreterie territoriali di Cgil Fp, Cisl Fp, Uil Fpl e Nursing Up».
Attraverso l’avvocato Maria Cristina Forgione, la Fsi ha chiesto un vertice a questore e prefetto segnalando, tra gli altri, il problema dell’impossibilità di conservare correttamente l’arma di servizio e di garantire la sicurezza alla luce delle troppe porte “aperte” all’ospedale Sant’Anna.
«Mi sento di tranquillizzare tutti sul fatto che la sicurezza è garantita – ha ripetuto il maggiore Quadrio – I nostri regolamenti sono concordati e verificati con le forze dell’ordine, che ringrazio per la collaborazione e la sintonia. Il nostro servizio è concentrato prioritariamente sui pazienti. L’obiettivo è lavorare con tranquillità e serenità. Facciamo periodicamente lezioni e percorsi di aggiornamento e il confronto con le istituzioni che si occupano di sicurezza è continuo e costante».

Nella foto:
Alberto Quadrio
«Mi sento di tranquillizzare tutti sul fatto che la sicurezza è garantita. I nostri regolamenti sono concordati e verificati con le forze dell’ordine, che ringrazio per la collaborazione e la sintonia»

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.