Sicurezza, l’affondo dei parlamentari leghisti

Polizia di Stato

Una pattuglia in azione sul territorio Una pattuglia in azione sul territorio

Quattro onorevoli del parlamento appena insediato uniti da una parola chiave: sicurezza.
La Lega di Como continua a battere sul tasto dell’emergenza furti e rapine in territorio lariano, mettendo in luce più fatti di cronaca, e lo fa con una nuova interrogazione – nel giro di pochi giorni – al ministro dell’Interno del governo Gentiloni, Marco Minniti, a firma dei parlamentari lariani del Carroccio: ossia i deputati Eugenio Zoffili, Nicola Molteni, Alessandra Locatelli e Claudio Borghi.

«L’emergenza sicurezza non accenna ad attenuarsi nell’Erbese e nei comuni limitrofi del Comasco, come stanno dimostrando nuovi sconcertanti fatti di cronaca – scrivono i deputati – sabato 31 marzo una donna di sessant’anni ha subito il furto della propria borsa mentre si trovava nel cimitero di Inverigo. Il giorno successivo, domenica di Pasqua, nella frazione di Romanò, sempre a Inverigo, i ladri si sono introdotti in due appartamenti e due giorni dopo, nella notte tra martedì e mercoledì dopo Pasqua, a Lurago d’Erba, altro Comune dell’Erbese, tre ladri incappucciati ripresi dalle telecamere hanno tentato di entrare nella casa di un’anziana ottantenne, approfittando dell’assenza della figlia, farmacista in servizio notturno».

Elencati questi episodi, i quattro parlamentari leghisti di Como chiedono «quali misure il Governo ritenga di dover assumere per arginare la pressione crescente della criminalità e per garantire la sicurezza della proprietà privata in tutto l’Erbese e in particolare a Lurago e Inverigo» e «cosa attenda il Governo a incrementare i presidi delle forze dell’ordine nella Provincia di Como».

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.