Sicurezza, nuovo allarme degrado. Nel mirino piazza della Tessitrice

Degrado Piazza della Tessitrice

Degrado e incuria a Como, dopo il caso di via Anzani nuove segnalazioni arrivano da piazza della Tessitrice. A spiegare cosa sta accadendo, alcuni telespettatori intervenuti durante l’ultima puntata di Etg+ Sindaco di martedì sera. «Purtroppo l’emergenza degrado non è solo in via Anzani – ha raccontato un telespettatore parlando direttamente con il sindaco Mario Landriscina – ma anche nella parte retrostante piazza della Tessitrice, complice anche l’apertura di alcune attività che richiamano molte persone». Individui spesso ubriachi e – sempre in base alle segnalazioni – in alcuni casi sorpresi anche a utilizzare la piazza come luogo dove fare i propri bisogni fisiologici.
«Purtroppo manca un controllo più serrato da parte della polizia locale – ha aggiunto il telespettatore – Spesso infatti abbiamo chiamato i vigili ma invano». La distanza da via Anzani, diventata negli ultimi giorni l’area cittadina a più alto rischio, è di soli 100 metri.
«Il nostro lavoro, a partire da come stiamo affrontando l’emergenza di via Anzani, è quello di avere una città sicura e lontana da situazione di degrado come quella attuale – spiega il sindaco Landriscina – Lo sforzo è massimo nonostante le poche risorse ma stiamo tutti lavorando in tal senso. Adesso approfondiremo anche questa nuova criticità. Invito la cittadinanza a continuare con le segnalazioni, utili per noi»

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.